Come avere gratis links da siti con DA 50+

juice

In questo articolo cerchiamo di spiegare come avere gratis links da siti con DA 50+

Quando si monta un progetto web la maggiore difficoltà è quella di riuscire a posizionarsi nella classifica dei motori di ricerca. Per riuscire a farlo, oltre a strutturare tecnicamente il proprio sito per rispondere ai criteri dettati da Google, è necessario ottenere dei links da altri siti che conferiscano autorevolezza agli argomenti che trattiamo.

Malgrado questo sia espressamente vietato dalla policy di Google, secondo la cui filosofia il link dovrebbe essere qualcosa di spontaneo in riferimento alla consistenza del contenuto linkato, è pratica comune quella di acquistare dei links presso siti già posizionati.

L’ autorità di un dominio

Facendo un passo indietro: perchè i links sono cosi’ importanti affinchè un sito riesca a comparire ai primi posti nei risultati delle ricerche?

Interpretando il comportamento dell’azienda leader nell’ ambito dei motori di ricerca, cioè Google, si arriva a comprendere quali siano i fattori per cui essa considera ‘importante’ un sito.

Accanto al numero degli utenti che lo frequentano, al tempo in cui tali utenti restino sulle sue pagine ed a molti altri fattori, vi è quello del quantitativo delle pagine che hanno un riferimento ipertestuale, ossia un link, verso il sito in questione.

Tutti i fattori rilevanti per Google, i cosiddetti ‘fattori di ranking‘, concorrono a formare l’autorità di un sito. Google non rivela apertamente quale sia l’autorità di un sito, semplicemente lo premia ponendo gli argomenti trattati dal sito ai primi posti nella pagina delle ricerche.

Esiste un’ azienda statunitense, che, attraverso una sua elaborazione delle ricerche, calcola questo ranking, tale azienda si chiama Moz.

Volendo verificare quale sia l’autorità verosimile di un sito, basta inserire l’indirizzo url del sito da verificare nel site explorer di Moz, per ottenere il punteggio DA del sito, il Domain Autority, l’autorità del dominio secondo Google, o meglio, secondo quel che Moz crede che Google pensi, che è comunque molto vicino alla realtà.

Collegato al DA vi è anch il punteggio PA, ossia la ‘page autority’, che è l’autorità delle pagine interne del sito.

Quali le conseguenze dell’avere un alto punteggio DA?

Il DA rappresenta quindi quanto Google crede ad un sito, e proporzionalmente a questo, a lui attribuisce delle risorse: piu’ frequentemente verifica la presenza di nuovi contenuti, registra un maggior numero di contenuti, e li propone prima di altri nella pagina delle ricerche.

Il link juice

L’autorità di un dominio puo’ andare da 0 a 99, normalmente (qualcuno conosce siti con DA 100?), quindi Google considera in relazione a questo punteggio.

Ora, uno dei metodi perchè Google, ma sopratutto gli utenti, vengono a conoscenza dell’esistenza di altri nuovi siti sulla rete sono i links.

Mentre leggiamo un articolo su una pagina qualsiasi, troviamo un riferimento ad un altro contenuto riguardante l’argomento di cui stiamo leggendo, ed attraverso il link andiamo ad esplorare la pagina di un altro sito.

Poi su quest’altro sito, troviamo un altro link che ci sembra possa essere interessante e, cliccando, andiamo ad esplorare la pagina di un terzo sito.

Per meglio rappresentare questo percorso da un sito, verso un altro, verso un altro ancora e cosi’ via, la dottrina del SEO lo ha voluto paragonare allo scorrere di un liquido, che come nelle tubature di un aquedotto, raggiunge infinite destinazioni, come l’acqua arriva nelle nostre case.

Ecco che entrano in gioco i nostri fattori: quanta acqua c’è nel serbatoio dell’acquedotto? Il DA rappresenta il contenuto d’acqua.

Un link proveniente da un sito con alta autorità porta al sito che lo riceve una parte di quella autorità. E continuando il flusso, il link contenuto nella pagina che ha appena ricevuto l’autorità del dominio originario, la trasferisce alla pagina linkata e cosi’ via, come sopra.

Solo che, come noi nelle nostre case utilizziamo l’acqua che ci arriva dalle tubature dell’acquedotto, consumandone una parte, anche l’autorità trasferita con i links si consuma e diminuisce ad ogni passaggio.

Abbiamo descritto il flusso del ‘link juice’, il ‘succo di link’, e la ragione per cui se abbiamo un sito è importante ricevere link da siti con alta autorità: una parte della loro autorità passa al nostro sito attraverso il link, facendo salire la nostra e facendo in modo che il nostro sito salga nella considerazione di Google e che finalmente i nostri contenuti vengano rappresentati piu’ in alto nella pagina delle ricerche di Google, la cosiddetta SERP.

Come ottenere links da siti autoritativi

Il proposito di Google nell’attribuire rilevaza ai links che un sito ottiene è quello secondo cui se un contenuto è importante ed interessante, tale contenuto verrà linkato per essere portato a conoscenza di un numero sempre maggiore di utenti.

Tale proposito è reale, sopratutto nei siti che fanno informazione, di cui si linka un argomento per corroborare le propie tesi con delle fonti autorevoli, per commentare una notizia o alimentare un dibattito, ed è infatti ciò che normalmente avviene.

Per quel che riguarda la galassia dei siti commerciali il discorso si capovolge, e nessuno mai linkerebbe il sito di un concorrente.

I links sono quindi oggetto di compravendita, anche se questa pratica è espressamente vietata dal regolamento di Google, che minaccia altresì penalizzazioni per i siti di cui si dovesse accorgere aver messo in atto tale pratica.

Come ha sostenuto Ivano Di Biasi in una discussione su un gruppo Facebook, tutti i siti vendono links, basta pagare il giusto prezzo o intrattenere relazioni, commerciali o meno, con i gestori dei siti da cui si vorrebe esser linkati.

Ma i links efficaci costano cari: nello stesso post, il patron di Seozoom, software per analizzare le performances di un sito nella ricerca su Google, individua, per esempio, per ottenere le prime posizioni sulla parola chiave ‘hotel rimini’ sia necesario un budget di circa 2000 eur/mese .

Ci sono sicuramente links che costano di meno e links che costano poco, quello dei links è un mercato selvaggio in cui la cifra pagata non è detto che sia proporzionale all’efficacia del link stesso. Molto dipende dalla serità di chi vende, dalla competenza di chi compra, e, sopratutto, dal comportamento che Google vorrà tenere nel momento in cui si troverà di fronte al link in oggetto.

Ma se è chiaro che comprare un link non è una garanzia per un innalzamento della propria autorità, in riferimento sempre a delle parole chiave, se è chiaro che la strategia di web marketing di un’ impresa non puo’ e non deve essere basata esclusivamente sulla costruzione di una rete di links, è chiaro anche che i links sono molto utili, anzi, necessari per ottenere un buon posizionamento del proprio sito sui motori di ricerca.

Come ottenere gratis links da domini con DA 50 e più

Per chi gestisce dei siti con un budget ridotto, accedere all’acquisto di link rilevanti si puo’ rivelare una spesa proibitiva.

Questo non vuol dire che non vi sia una possibilità di ottenere una presenza web autoritativa essendo linkati da domini con altissima autorità, anche perchè questi domini sono… pubblici. Il web 2.0 ha creato una ampia serie di opportunità per ottenere dei links verso il proprio sito o verso alcune delle sue pagine sfruttando le opportunità che moltissime piattaforme web2 mettono a disposizione.

Ecco una lista di alcune di queste piattaforme, alcune molto conosciute, su cui si possono creare delle pagine personali ed aggiungere links :

Come avere gratis links da siti con DA 50+ ultima modifica: 2017-02-05T17:48:34+00:00 da marketingmix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *